Augusto Montaruli

Il mio sito

Lettera aperta al Senatore Mauro Marino

 

“…la popolazione e i commercianti di San Salvario chiedono con forza di potersi riappropriare del loro quartiere da troppo tempo ormai terra di degrado, vandalismo e microcriminalità…”
“…un quartiere che aveva in tempi non lontani attratto numerose attività economiche in virtù di una trasformazione evidentemente rivelatasi a posteriori più vagheggiata che reale;…”

Caro Mauro,

ho letto, scoprendone l’esistenza sul sito del PD Piemonte, l’interrogazione che hai presentato in Senato lo scorso fine luglio sulla situazione “di degrado che affligge il quartiere di San Salvario”.  Consentimi di condividere solo parzialmente la descrizione del quartiere dove entrambi risediamo.  E’ vero, c’è spaccio di droga, si è esagerato con locali e attività notturne, ci sono disagio e insofferenza da parte di alcuni cittadini, c’è uno spaccio non solo di droga, ma anche, che è peggio, di alcol a buon mercato. Tutto vero. Lo sappiamo, lo abbiamo documentato e raccontato. E’ vero anche che una maggiore presenza di vigili urbani, la sezione di via Saluzzo sta facendo l’impossibile con l’organico che ha, e un presidio mobile di polizia aiuterebbero e molto. Vero, lo abbiamo chiesto.

Però il quadro che fai dipinge San Salvario come un territorio devastato, fuori controllo. Peggio che nei peggiori bar di Caracas (o di Scampia). Non è così.

Il nostro quartiere ha le forze, il tessuto sociale, per reagire. Le associazioni, la politica nel territorio, le istituzioni hanno discusso, elaborato proposte, presentato ordini del giorno e mozioni. Non solo per chiedere l’intervento delle forze di polizia, ma per rafforzare quanto di buono è stato fatto finora (quella che tu definisci trasformazione vagheggiata).

_DSC2130 copiaNon so se c’eri o se ti hanno raccontato della festosa accoglienza che il quartiere ha dedicato agli atleti e turisti dei World Master Games, associazioni di categoria, casa del quartiere, istituzioni, cittadini insieme con l’obiettivo di dimostrare la bellezza e le potenzialità del nostro territorio. Da qui occorre ripartire. San Salvario è un luogo dove si è orgogliosi di abitare. E’ una realtà forse unica in Italia. Inutile descrivertela, la conosci meglio di me.

Allora, ti prego, non affermare che l’unico strumento efficace per risolvere i problemi del quartiere sono le forze dell’ordine. Non si può presidiare all’infinito. Con le forze dell’ordine si collabora molto volentieri, ma non basta. E’ fondamentale, urgente continuare quel percorso che non è solo vagheggiato e che in fondo ha solo bisogno di un tagliando, di una messa a punto. Questo si può fare con la buona politica.

Ciao,
Augusto

ps: certo sarebbe bello se quando un territorio “soffre” la segreteria del partito, almeno quella provinciale, convocasse una riunione con circolo e eletti per concertare azioni e iniziative. Avrei evitato di scrivere questa lettera. 

Posted under: Il fiume in mezzo

Tagged as: , , ,

Lascia un commento

Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On YoutubeCheck Our Feed