Augusto Montaruli

Il mio sito

Vittorio o’ consiglier

20091216-grillo-st-250Il consigliere 5 stelle Vittorio Bertola, quello dello scoop del dito medio di Fassino, nelle vesti di ultras scatenato e autobiografico. Quello che Fassino deve chiedere scusa (che ha chiesto: qui), forse perché si è sentito parte in causa (in quanto ultras). E’ il consigliere dall’aspetto mite, dallo sguardo buono, si vede che soffre di licantropia a legger cosa scrive. Certo l’articolo è del 2006 e se risultassero smentite o prese di distanza le pubblicherei molto volentieri.

Qualche perla, il resto lo potete leggere qui nel suo sito in italo-piemontese.

Il manipolo

“Ci vuole oltre un’ora per caricare tutti sul treno, attraversando una timida perquisizione da parte di un manipolo di poliziotti. Il treno ha una dozzina di carrozze, che sono suddivise a seconda del gruppo che ha venduto il biglietto. Io sono con il gruppo dei Geneticamente Granata, quello della curva Primavera, che per quanto riguarda le trasferte è affiliato aiViking Granata.”

Buon sangue

“Attraversiamo la periferia milanese e prendiamo per Treviglio. Man mano che ci avviciniamo a Brescia, diventiamo un po’ più seri; sappiamo che non è una trasferta qualsiasi. Non c’è buon sangue tra le tifoserie, e a Brescia ci sono ultras tanto duri quanto pericolosi.”

Pochi ma buoni

“T., uno dei capi degli Ultras, ci guarda in faccia uno per uno, e fa: “Siamo pochi…”. Poi sorride e aggiunge: “Pochi ma buoni!”.”

Le cinture

“Alla fine, alle 14,45, arrivano quattro autobus a prenderci. Saliamo di corsa, incazzati, tesi. I tre “vecchi” che erano con noi hanno cambiato faccia; salgono per ultimi, si tolgono le cinture e le preparano, si aggrappano alle porte e gridano all’autista finchè non ottengono che l’autobus parta a porte aperte.”

Arbitro cornuto suca

“Il Toro gioca bene, nonostante un arbitro cornuto che caccia Lazetic per lesa maestà; e il gol di Abbruscato è lì a pochi metri, fa subito partire il delirio. Anche io perdo il controllo, scendo gli ultimi gradini sull’orlo dell’infarto, mi attacco alla barriera trasparente e urlo con tutto quel che ho (mi perdonino le signore): “SUUUCAAAAAAAA!!!”. Il secondo tempo non comincia mai, non finisce mai, pure sospeso per i loro fumogeni; la partita è dominata di intelligenza dal Toro, nonostante un paio di brividi.”

L’adrenalina

“Mentre l’adrenalina scorre e io non so che fare, scendono un po’ dei nostri, le cinghie in mano. Il motorino vola e si polverizza, mentre il suo proprietario se ne prende a sufficienza; i bresciani che possono scappano come conigli, ma li massacrano lo stesso.“

Il battesimo

“Il ritorno è festoso ma stanchissimo. Per battezzarmi, mi dicono di insultare qualcuno o qualcosa alla stazione di Alessandria; fuori è un deserto, e mi esibisco in un grido di protesta contro quel che c’è, cioè “POSTE ITALIANE VAFFANCUUULOOOOO!!!”. Applausi. Alle 22,30 siamo di nuovo a Lingotto: una domenica da incorniciare.“

Posted under: Arturo

Tagged as: , , ,

Lascia un commento

Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On YoutubeCheck Our Feed