Augusto Montaruli

Il mio sito

Asso di bastoni

asso-di-abstoni

Questa sera mentre ero al riparo dalla grandine si è avvicinato una ragazzo con l’accento napoletano molto marcato e mi ha chiesto una sigaretta.
Gli ho chiesto se fosse di Napoli.
Torre Annunziata, mi ha risposto mostrandomi la carta di indentità facendomi leggere i suoi diciannove anni.
Gli ho detto che gli avrei dato la sigaretta se mi avesse detto la cosa più bella di Napoli.
La gente, mi ha risposto.
Bravo, ecco la sigaretta.
Che fai qua?
Sono appena uscito dal Ferrante Aporti. Spaccio.
E adesso?
Non lo so.
Sei simpatico, hai la faccia intelligente. Non farti fottere.
Io appena so leggere, ho imparato in carcere, che devo fare.
E mi ha fatto vedere uno dei suoi tatuaggi, l’asso di bastone.
Io ero una specie di boss e guadagnavo.
Fatti furbo, la vita è una. Non la bruciare.
E dove vado?

E non sapevo cosa dirgli. l’ho salutato e gli ho ripetuto “sei simpatico, hai la faccia intelligente. Non farti fottere.”
Grazie zio, e se ne è andato.

In via Principe Tommaso, oggi, grandinava.

Torino, 10 agosto 2017, in un via di San Salvario.

Posted under: Storie (piccole)

Tagged as: , , , , ,

Comments are closed.

Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On YoutubeCheck Our Feed