Augusto Montaruli

Il mio sito

Interpellanze a confronto Montanari Vs Iaria

Sulle opere di riqualificazione del territorio della circoscrizione otto ci sono stati consigli aperti, commissioni comunali e circoscrizionali, conferenze stampa e interpellanze per conoscere formalmente lo stato dell’arte. Tutte le opere di riqualificazioni risalgono, e sono, per inciso e per esercizio di memoria, state avviate dalla giunta Fassino. L’interlocuzione quindi con l’ente centrale si è avviato dalla precedente giunta. Ma è questa quella che avrebbe dovuto, non dico realizzare, ma almeno presentare uno stato di avanzamento concreto.

Invece.

Sono passati quasi quattro anni dall’insediamento della giunta Appendino e si sono avvicendati due assessori all’urbanistica che probabilmente lasceranno pochi ricordi nei cittadini torinesi, sicuramente nessuno in quelli della circoscrizione otto.

A dimostrarlo un confronto fra le risposte a due interpellanze che abbiamo presentato proprio sul tema riqualificazioni: la prima interpellanza (il sottoscritto primo firmatario) è del 2018 la cui risposta arrivò nel gennaio 2019; la seconda (Paola Parmentola prima firmataria) è datata gennaio 2020 e la risposta è di pochi giorni fa. 

Continuiamo ad essere sul “faremo”, “le pratiche sono in fase di istruttoria”. Ciò che sicuramente è aumentata è la sintesi nelle risposte, ad onor del vero il precedente assessore qualche sforzo in più nel dettagliare la risposta lo metteva.

Di seguito il confronto tra le due interpellanze per sito da riqualificare.

Nella prima interpellanza mancava la questione Campus e Biblioteca Centrale, per consentire un confronto abbiamo inserito una dichiarazione ufficiale dell’allora assessore Montanari.

Buona lettura

Risposta assessore Montanari – Gennaio 2019 Risposta assessore Iaria – Febbraio 2020
Scalo Vallino
L’area è di proprietà di NovaCoop, e la situazione attuale vede in fase di definizione il Piano di Bonifica dell’area; è stato contestualmente presentato il PEC, attualmente in fase di istruttoria. L’area verrà utilizzata dalla proprietà per la realizzazione di una media struttura di vendita, di una piazza coperta con piccolo commercio in affaccio su di essa, di alcuni edifici residenziali e di alcune strutture di residenza universitaria, il tutto nel contesto di un progetto urbano di continuità con le strade limitrofe e la creazione di spazi pedonali protetti.
Procedono inoltre i lavori per la realizzazione della contigua sede universitaria di BioTeconologie, e il completamento dell’area prevederà, in direzione di via Lugaro, la creazione da parte di Iren di un polo tecnico del teleriscaldamento con un mascheramento costituito da spazi verdi percorribili.
L’area, di proprietà della società NovaCoop, è destinata a radicale trasformazione. I proponenti hanno presentato istanza di PEC, e attualmente le pratiche sono in fase di istruttoria.
Caserma Lamarmora
La caserma, di proprietà di CDPI Sgr, è attualmente oggetto di un progetto per la sua riqualificazione ad opera dello Studio Carlo Ratti Associati. Le finalità dell’intervento prevedono alcune demolizioni, la realizzazione di una piazza alberata in collegamento con corso Quintino Sella e il riutilizzo delle caserme a fini residenziali, commerciali e culturali. In tale contesto, è prevista la cessione della cosiddetta “palazzina 5” alla Città, al fine di realizzare un luogo della memoria fruibile da parte della cittadinanza e in particolare dai giovani, in accordo con le associazioni che si occupano di storia e memoria del Novecento.
Il PEC è stato presentato ed è in fase di approvazione attraverso le valutazioni degli Uffici della Città. Si è inoltre conclusa la pre-istruttoria per la verifica della assoggettabilità a VAS.
Il complesso, di proprietà della società CDP investire Sgr, è allo stato attuale oggetto di un PEC in fase di istruttoria da parte degli uffici della Città per la parti di propria competenza.
Palazzo del Lavoro
L’Accordo di Programma con Moncalieri per nuova rotonda su Largo Maroncelli ha ottenuto il parere favorevole dalle Giunte di Torino e Moncalieri, ed è stata sottoscritta la relativa modifica all’Accordo di Programma in data 4 dicembre 2018.
E’ in corso una modifica dei criteri commerciali per la perpetrazione dell’addensamento A” (con successiva Variante PRG di recepimento) da parte della Regione Piemonte. Si sta inoltre elaborando il progetto di gestione delle terre da scavo e delle bonifiche dell’area.
L’immobile, di proprietà Pentagramma e vincolato dal MIBACT, è stato oggetto nel corso degli anni di numerosi tentativi di trasformazione, con una variante al PRG bocciata dal TAR e dal Consiglio di Stato. Attualmente vi è un PEC in fase istruttoria, e dovranno essere modificati i criteri commerciali perdio essere recepiti con Variante al PRG. Si comunica inoltre che è stato attivato un Protocollo di Intesa con Città Metropolitana e ARPA per la caratterizzazione ambientale in contraddittorio.
Corso Marconi
A seguito della revoca del progetto del parcheggio interrato, un ripensamento e ridisegno dell’intero corso Marconi verrà studiato e discusso con la cittadinanza e la Circoscrizione, in un contesto però di ridotte risorse economiche. L’area di corso Marconi rientra nelle ampie progettualità del Collegato Ambientale e del progetto “Torino Mobility Lab – Progetto di mobilità sostenibile del quartiere di San Salvario”, vincitore di un apposito finanziamento ministeriale nell’anno 2017. Il progetto prevede la realizzazione di azioni tra loro coordinate per”favorire la mobilità alternativa al veicolo provato, con una particolare attenzione pregi spostamenti sistematici casa/lavoro e casa/scuola”. E’ attualmente in corso di attuazione un percorso di progettazione partecipata mirato “al miglioramento della mobilità sia casa/scuola che casa/lavoro attraverso lo sviluppo di processi partecipativi ed educativi nelle scuole per la redazione e realizzazione dei Piani diMobilità Scolastica Sostenibile […], la messa in sicurezza delle aree intorno cui plessi scolastici”, in qualità di azione di accompagnamento e comunicazione sociale delle iniziative.
Arcate ex MOI
Il complesso delle Arcate ex MOI è suddiviso, a livello di proprietà, fra la città di Torino e in piccola parte il CONI. La parte di proprietà della Città è stata a sua volta concessa attraverso la Fondazione XX marzo in parte a Parcolimpico Srl e in parte ai due atenei di Torino, Università di Torino e Politecnico di Torino, al fine di realizzare un polo di ricerca congiunto. L’area in base al P.R.G. vigente, è destinata a “Attività di Servizio” con 25% di A.S.P.I. (Attività di Servizio alle Persone e alle Imprese). In data 20 giungo 2015 è stata stipulata una apposita Convenzione volta a regolare, ai sensi dell’arti. 19 c. IV delle N.U.E.A. del P.R.G., i rapporti patrimoniali per la parte di compendio nella disponibilità dell Città, nonché l’utilizzo e la realizzazione di un centro di didattica e ricerca da parte del Politecnico di Torino e dell’Università degli Studi di Torino, sull’intero complesso immobiliare . La Convenzione, tuttora vigente, ha validità di trent’anni (30) a decorrere dalla data di sottoscrizione della stessa, ma a seguito della nota formale della Città agli Enti Concesori, volta a sollecitare l’adempimento degli obblighi convenzionali, è giunta la comunicazione dell’Università di Torino di voler recedere dalla Convenzione in essere. Attualmente sono in corso, pertanto, interlocuzioni con i medesimi Enti finalizzate alla risoluzione consensuale della predetta Convenzione. Per avviare il progetto di riuso e riqualificazione delle Arcate attraverso l’utilizzo dei fondi post-olimpici, Fondazione XX Marzo ha incaricato la Società di Committenza Regionale (SCR) a indire un primo appalto per la messa in sicurezza, la compartimentazione e la realizzazione di nuovi impianti tecnici del complesso edilizio, con una previsione di lavori della durata di circa 2 anni. Sino alla consegna del cantiere per i lavori appaltati, il Politecnico manterrà il servizio di vigilanza oggi operante. Parallelamente all’esecuzione dei lavori appaltati, la Città procederà, previo accordo con Parcolimpico srl e in collaborazione con la Circoscrizione e con eventuali altri sotggetti e enti, all’individuazione di nuove destinazioni d’uso con uno i più concessionari per l’utilizzo dell’insieme del complesso Arcate ex MOI. Le arcate, di proprietà della Città e in parte del CONI, e concesse in buona parte alla Fondazione Parcolimpico, sono attualmente oggetto di lavori di manutenzione straordinaria per la parte che si affaccia si via Giordano Bruno, Tali lavori, eseguiti ad opera della società regionale SCR, sono prodromi ad una messa a bando di tali spazi.
Torino Esposizioni
“Si tratta di un intervento straordinario quello che coinvolgerà Torino Esposizioni, connotando sempre di più, una volta compiuto, il capoluogo piemontese come una tra le più accoglienti città universitarie – ha sottolineato il vicesindaco Guido Montanari -. Siamo dunque ben lieti di salutare l’avvio del progetto di fattibilità che ridefinirà una parte importante e delicata del territorio cittadino, molto apprezzata dai torinesi, all’interno di un parco secolare.  Per la creazione del campus urbano e del polo culturale, ci attende la sfida di una riqualificazione innovativa, nel rispetto della sostenibilità ambientale e del risparmio energetico. In una visione che prefigura il volto di una Torino accogliente e aperta al mondo dove è confortevole e piacevole formarsi e vivere”.

Dichiarazione dell’allora assessore e vice sindaco su Campus e biblioteca a Torino Esposizioni. Al via lo studio di fattibilità

Pubblicato il: 11 Ottobre 2017 In: Torino Cambia sul sito TorinoClick

Le interlocuzioni con il Politecnico in merito al cosiddetto “Campus del Design” prevedono l’insediamento di spazi per la didattica e per altre funzioni universitarie presso il padiglione Morandi. La nuova biblioteca civica costituisce una importante progettualità della Città e però, allo stato attuale, non sono state individuate adeguate risorse nel Bilancio della Città.

 

Posted under: Circoscrizione Otto, Il fiume in mezzo

Tagged as: , , , , , , ,

Comments are closed.

Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On YoutubeCheck Our Feed