Augusto Montaruli

Il mio sito

Lettera aperta al segretario dello SPI CGIL di San Salvario

https://torino.repubblica.it/cronaca/2020/02/14/news/torino_anche_la_cgil_al_comizio_di_salvini_piovono_critiche_da_fiom_e_camera_del_lavoro-248603792/

 

Caro Roberto,

Come sai i valori cui si ispira la CGIL, di cui la lega otto dello SPI CGIL al quale sono iscritto e di cui tu sei segretario, per nulla coincidono con forze politiche che dichiarano di difendere i “confini della patria” da persone che sfuggono alle guerre e alla fame.

La mia adesione alla CGIL si basa proprio sui quei valori che per me sono irrinunciabili e non negoziabili. 

Quei valori di cui riporto dal sito della CGIL l’incipit:

“La CGIL, nel suo insieme, si ispira e fa propri i princìpi contenuti:

– nella Costituzione della Repubblica Italiana, nata dalla lotta anti­fascista e nella quale si afferma con nettezza il rifiuto di qualsiasi forma di totalitarismo e di discriminazione;

– nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani;

– nei Trattati fondativi dell’Unione Europea.”

Li riporto per condividere con te il mio disagio nel leggere di un dirigente della CGIL che partecipa all’evento della Lega al Lingotto.

Mi chiedo e ti chiedo quei valori che mi/ci hanno portato ad aderire alla CGIL sono validi per tutti oppure qualcuno si sente al di sopra, anzi al di sotto. Perché un conto è stare allo stesso tavolo un altro dall’altra parte del tavolo.

Ti chiedo se ci sarà un chiarimento sulla questione anche per capire se quell’adesione sarà da rinnovare.

Un caro saluto e grazie per ciò che fate sul territorio dove vivo.

Augusto

Posted under: Arturo, Il fiume in mezzo

Tagged as: ,

Comments are closed.

Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On YoutubeCheck Our Feed