Augusto Montaruli

Il mio sito

Il cappello in piazza

Ancora una nottata di follia in largo Saluzzo. Tutto parte da un appello pubblicato su facebook sulla pagina di un sito dedicato ai calciatori brutti. Pensa un po’. L’appello voleva “omaggiare” una squadra di calcio novegese, il Rosemborg. Puntuali si sono ritrovati a mezzanotte ad urlare a lanciare fumogeni fino a notte inoltrata.

cappelloinlargosaluzzoQuel luogo ormai è terra di nessuno, non è movida, non sono i “tirartardi” da dentro e fuori i dehors. Sono gruppi spontanei che si aggregano con il passa parola dei social network. E’ ormai terra di nessuno largo Saluzzo. E tor
neranno, di sicuro torneranno. E potrebbe succedere qualcosa di molto spiacevole che sarebbe meglio evitare. E’ ora che diventi terra di qualcuno, dei residenti e dei cittadini civili. Lo può ridiventare con cariche di polizia e idranti oppure mettendoci un cappello su quella piazza. Preferirei il cappello in piazza. La si occupi per un po’, con tanta pazienza e costanza. Si tolga spazio agli altri. Lo si può fare. Portiamo per strada sedie e tavolini, leggiamo un libro, giochiamo a scacchi, a briscola, a cosa si vuole, ma togliamo loro spazio. Se ne andranno e non torneranno. Spero.

Posted under: Il fiume in mezzo

Tagged as: , , ,

Comments are closed.

Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On YoutubeCheck Our Feed