Augusto Montaruli

Il mio sito

Commissioni di quartiere: proposta di emendamento del regolamento del decentramento

Di seguito la mozione che richiede di emendare gli articoli che si riferiscono alle commissioni di quartiere. La mozione vuole aprire un dibattito in modo da arrivare ad un’azione concreta.

Torino, data del protocollo 

MOZIONE: EMENDAMENTO ARTICOLO 29 BIS DEL REGOLAMENTO DEL DECENTRAMENTO

PREMESSA

E’ convinzione comune che il regolamento del decentramento, riformato sul finire della scorsa consiliatura approvato non senza polemiche e pareri contrari, non sta dando quei risultati attesi. Molto si è dibattuto ma al momento non si intravedono azioni concrete che vadano verso proposte di modifiche sostanziali del regolamento. 

Da qualche parte occorre cominciare per ravvivare in dibattito e, crediamo, lo si debba fare con una proposta  concreta. Concreta che vuol dire emendare il regolamento con una proposta di deliberazione da discutere e approvare in Consiglio di Circoscrizione e da presentare al Consiglio Comunale, così come prevede il comma 1 all’articolo 37 del regolamento del decentramento (vedi a fine del paragrafo).

La proposta di questa mozione invita il Consiglio dell’Ottava Circoscrizione a emendare l’articolo 29 bis del regolamento che disciplina le Commissioni Consiliari di quartiere

Articolo 37 – Proposte di deliberazione

Un Consiglio di Circoscrizione può presentare al Consiglio Comunale una proposta di deliberazione che deve riportare il voto favorevole dei due terzi dei consiglieri assegnati al Consiglio. Il Presidente del Consiglio Comunale la iscrive all’ordine del giorno entro trenta giorni dalla presentazione. I Presidenti delle Circoscrizioni presentatrici devono illustrare la proposta alla Commissione Comunale competente.

CONSTATATO

che è evidente, credo a tutti, che le Commissioni di Quartiere non stanno producendo quella partecipazione che ci si attendeva, o almeno che la precedente amministrazione sperava;

che la contrapposizione tra centro e periferia, mancanza di obiettivi chiari, di supporto tecnico amministrativo e la poca rilevanza della commissione stessa e quindi dei cittadini che ne fanno parte oltre ad una scarsissima partecipazione hanno di fatto decretato il fallimento dello strumento;

che proprio perché crediamo nella partecipazione attiva dei cittadini riteniamo necessaria e urgente una riforma delle commissioni di quartiere;

Il fallimento di questo strumento, le commissioni di quartiere, andrebbe a creare un ulteriore distacco tra istituzione e cittadino.

CHIEDE

al Consiglio Comunale della Città di Torino di deliberare gli emendamenti al regolamento del decentramento come di seguito elencato:

1) Sostituire il comma 1 dell’Articolo 29 bis – Commissioni Consiliari di quartiere 

da

1.   Le Commissioni di Quartiere sono strumenti primari di coinvolgimento dei cittadini ai sensi dell’articolo 1, comma 2, del presente regolamento, con ambito territoriale di riferimento nei quartieri cittadini così come descritti nell’allegato al presente regolamento.

a

1.   Le Commissioni di Quartiere sono strumenti primari ed esclusivi di coinvolgimento dei cittadini ai sensi dell’articolo 1, comma 2, del presente regolamento, con ambito territoriale di riferimento nei quartieri cittadini così come descritti nell’allegato al presente regolamento.

2) Sostituire il comma 1 dell’Articolo 29 bis – Commissioni Consiliari di quartiere 

da

2.   Hanno l’obiettivo di favorire la partecipazione dei cittadini nei processi decisionali e di coinvolgerli nella realizzazione delle politiche territoriali. A tal fine il Presidente della Commissione di Quartiere è invitato a partecipare ai lavori della Giunta Circoscrizionale quando vengano affrontati temi di interesse del quartiere di riferimento.

a

2. Hanno l’obiettivo di favorire la partecipazione dei cittadini nei processi decisionali e di coinvolgerli nella elaborazione di proposte deliberative di politiche territoriali da sottoporre al Consiglio Circoscrizionale.

3) Sostituire il comma 1 dell’Articolo 29 bis – Commissioni Consiliari di quartiere 

da

3.   Le Commissioni elaborano il Piano di Sviluppo Annuale, che deve contenere l’analisi delle caratteristiche sociali economiche e demografiche del quartiere, le criticità presenti sul territorio e le proposte circa le priorità di intervento.

a

3.  Le Commissioni propongono priorità di intervento alla Giunta Circoscrizionale in modo da essere valutate per essere accolte nelle linee guida

4 ) Sostituire il comma 1 dell’Articolo 29 bis – Commissioni Consiliari di quartiere 

da

4. Le Commissioni di Quartiere sono costituite con deliberazione del Consiglio Circoscrizionale, composte da Consiglieri Circoscrizionali ed integrate da cittadini del quartiere. La deliberazione indica il presidente della commissione, scelto tra i Consiglieri Circoscrizionali che non rivestono la carica di coordinatori, ed il nominativo dei cittadini che ne abbiano chiesto l’iscrizione, in un numero massimo stabilito dal Consiglio Circoscrizionale.

a

4. Le Commissioni di Quartiere sono costituite con deliberazione del Consiglio Circoscrizionale, composte da cittadini del quartiere ed integrate dai Consiglieri Circoscrizionali. La deliberazione indica il presidente della commissione, scelto tra i cittadini iscritti ed un referente del Consiglio Circoscrizionale che non rivesta la carica di coordinatore, ed il nominativo dei cittadini che ne abbiano chiesto l’iscrizione, in un numero massimo stabilito dal Consiglio Circoscrizionale. Il referente e i consiglieri possono intervenire nelle Commissioni di quartiere ma non hanno diritto di voto. La commissione di quartiere relaziona con la giunta e con il presidente di circoscrizione attraverso il suo presidente o un suo delegato. Le convocazioni delle commissioni sono indette dal presidente di commissione e controfirmate dal referente. Al presidente viene riservata una postazione di lavoro presso la circoscrizione e un supporto amministrativo;

Le commissioni si svolgono nei locali circoscrizionali. I membri della commissione possono fare accesso agli atti. Alla commissione di quartiere viene assegnato un budget di spesa non superiore al 5% dello stanziato discrezionale relativo. La commissione propone la delibera di spesa che viene discussa e approvata in consiglio.

Primo firmatario: Augusto Montaruli – Gruppo LeU

Posted under: Circoscrizione Otto, Il fiume in mezzo

Tagged as: , , ,

Comments are closed.

Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On YoutubeCheck Our Feed