Augusto Montaruli

Il mio sito

Mi piacerebbe, in generale ed in locale

“Alta sui naufragi
dai belvedere delle torri
china e distante sugli elementi del disastro
dalle cose che accadono al disopra delle parole
celebrative del nulla 
lungo un facile vento
di sazietà di impunità

Sullo scandalo metallico
di armi in uso e in disuso
a guidare la colonna
di dolore e di fumo
che lascia le infinite battaglie al calar della sera
la maggioranza sta la maggioranza sta
recitando un rosario
di ambizioni meschine
di millenarie paure
di inesauribili astuzie”

Da Smisurata preghiera di Fabrizio De Andrè

Sì, mi piacerebbe davvero che finite le dichiarazioni, gli annunci, le smentite, le lettere di disdetta, l’orgia di dei tweet e dei post che la sinistra venisse baciata da un principe che la svegliasse dal suo lungo sonno nel bosco e svegliandosi dicesse poche cose ma comprensibili da tutti invece di una difesa d’ufficio del passato.

Mi piacerebbe dicesse semplicemente che così non può andare più, che così non deve andare più.

Mi piacerebbe dicesse che non è più sostenibile che milioni di camion attraversino il paese in lungo e in largo. Un paese pieno di ponti, di gallerie, di curve, di salite e di discese. Un paese dove si trasporta tutto con grandi camion per distanze lunghe e brevi. Persino in città, dentro le città dove si fermano con il motore acceso che la merce si deteriora. Un paese dove occorre fare ponti tra i mari e tra il nulla perché da lavoro, magari a medici e pompieri.

39296932_10214731242708926_9107652264847212544_n

Mi piacerebbe che le città, le periferie ah le periferie cara signora che leggi il giornale con vista sul camion, non venissero più deturpate da ponti celebrati che costringono le persone a vivere con vista sul traliccio ascoltando il rumore del passaggio del motore.

Mi piacerebbe si avesse il coraggio di andare oltre le soluzioni per aggirare gli ostacoli e tamponare il presente.

Mi piacerebbe non proponessero dieci cose da fare o cento o mille. Mi piacerebbe si proponesse una visione del futuro a cominciare da domani.

Non c’è altra via da percorrere. Le altre aiutano un passato che fa terrore e orrore. Un passato in cui siamo già.

Post scriptum locale:

via belfiore tir

In via Belfiore, tra via Bidone e corso Raffaello, tutti i giorni arrivano TIR che scaricano merce nel magazzino del supermercato. Si fermano, fanno manovra, sostano con il motore acceso. Il risultato è l’asfalto rovinato, l’inquinamento acustico e da emissioni di gas di scarico. Via Belfiore è una via secondaria, piccola con balconi e locali cha affacciano proprio sul tir con il motore acceso. 

Penso che si dovrebbe vietare il passaggio dei Tir in città, la facciamo questa piccola battaglia?

Le fotografia della signora e del signore che leggono il giornale sono di Michele Guyot Bourg di Genova che così scrive su Facebook. Non aggiungo altro salvo che la distrazione delle istituzioni arriva da lontano.

16 agosto alle ore 17:35

Nel 2012 ho pubblicato parte di una mia ricerca fotografica effettuata negli anni 80 sull’incidenza negativa dell’autostrada sul quotidiano vivere accanto e sotto questa opera e l’avevo intitolata “VIVERE SOTTO UNA CUPA MINACCIA”. Allora mi era costata circa quattro anni di ricerca tra Nervi e Voltri e nelle vallate Bisagno e Polcevera. All’epoca ha avuto un grande successo in molte città italiane e Circoli privati tranne che a Genova che alle istituzioni non era piaciuta. Chissà perchè! Ne ripubblico una parte in questa purtroppo tragica circostanza per ricordare che alla fine dopo quasi quaranta anni non è camboiato niente.

Posted under: Arturo

Tagged as: , , ,

Comments are closed.

Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On YoutubeCheck Our Feed