Augusto Montaruli

Il mio sito

Il trasloco e la memoria

Dieci rullini di pellicola fotografica che han fatto la guerra passando da Bologna, Verona, Kiev, Stalingrado e ritorno. Han resistito al gelo e alla ritirata e son tornati a Torino. 

Un cimelio familiare emerso dal mare delle cose da inscatolare per prepararsi al prossimo trasloco. 

Emerso insieme a tantissimo altro: lo temiamo? Dove lo mettiamo? A qualcuno può interessare? All’ecocentro?

Questo esercizio di ordine e memoria fa pensare all’enorme ricchezza di storia “minima”. Storia minima che con il passare delle generazioni si perde, si dimentica, si butta via.

L’esercizio di ordine e memoria ti fa ritrovare antiche lettere accorate, cartine militari del 15-18, cause di divorzio del periodo napoleonico, ricette per il pranzo di Natale.  Anche vecchie fotografie: il nonno in divisa prima della trincea sul Carso, il bambino sulla spiaggia negli anni trenta, la pasquetta in campagna…

Quei ricordi raccontano. 

Quei ricordi se conservati e messi a disposizione ci parlerebbero e ci direbbero come siamo arrivati fin qui. Ci farebbero capire che partiamo da una storia comune che ci ha portati qui. Ci farebbero sentire più comunità. 

Un museo familiare ci vorrebbe in ogni quartiere. Ci farebbe bene.

Posted under: Arturo

Tagged as: , , ,

Comments are closed.

Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On YoutubeCheck Our Feed